Detti e motti

Proverbi e motti baragianesi tratti da "Il lessico baragianese nel folklore" di Antonio Russillo

Per una buona riuscita della lettura del dialetto baragianese, è importante conoscere quanto segue:

' : segno di timbro evanescente, corrispondente alla "e muta"francese, molto affine alla d inglese. Il segno" ' " si può trovare all'inizio della parola, alla fine e como apostrofo, oppure nel centro del vocabolo in sostituzione delle " e " o della " i ".

/ : accento indicante suono chiuso.Es.: mòlto, bocca, ecc...

\ : accento indicante suono aperto.Es.:pècora, sèrra, ecc...

K: si pronuncia come nella parola casa (kasa).

ch: si pronuncia come nella parola chiave.

gh: si pronuncia come nella parola "ghianda".

Le seguenti lettere in parentesi: (e), ( i ), (er), (re), ecc.., si possono leggere soltanto per capire bene la pronuncia dialettale del termine; appena compreso il significato, conviene rileggere la parola trascurando le parentesi, e così si ottiene una pronuncia più o meno perfetta del vocabolo. Es.: sc( i )caffone, prima si legge"scicaffone"e poi, ripetendo in modo pià esatto"sccaffone", che vuol dire "scarpone o schiaffone".

I verbi, nel vocabolario, sono quasi tutti alla terza persona.

Importante è leggere piano ed attentamente, almeno la prima volta, anche ciò che si trova in parentesi. Se, nonostante ciò, non si è giunti a comprendere chiaramente, conviene iniziare a leggere la traduzione in italiano, quando c'è, e poi il vocabolo o il proverbio corrispondente in dialetto.

A buscìa tèn' i pièd' p(e) camm( i )nà

La bugia può causare guai

A campana d( i ) Baragian' dic' : dak e damm'

Nella vita bisogna dare per ricevere

A femm'n' è com' na campan' : si nun la scutulìa nun sòna

La donna vuol essere solleticata e destata a sentimenti amorosi

Bòna faccia e mala cusciènza

Di buon aspetto ma di animo cattivo

Cad' da 'mmocca e vai nzin'

I soldi smarriti in casa non vanno persi

Casa addò tras' u sol' nun tras' u mied( i )co

Casa esposta al sole non porta malattie

Ca t(e) pòzza poglià vant(e)còr

Possa venirti un colpo apoplettico

Chi 'hàla pòch val'

Chi si annoia sbadigliando, vale poco nel suo lavoro

Chi sparagna a mazza nun vòl bèn' e figl( i )

Chi non punisce i figli non li ama

Chi tèn' polv(r)r' spara

Chi tiene soldi spende

Crai, crai dic' a curnacch(ia)

Si dice a chi rimanda sempre tutto al domani

Fac' scènn 'r' u 'llatt' int' i bèrt' l '

Fa perdere la pazienza

Ha pers' F( i )lipp' e Panar'

Ha perso tutto

I m(e) n(e) vac(o) ca carròzz' di scarpar'

Io me ne vado a piedi

Liètt' stritt' curcat' 'mmièzz'

Si dice quando si tratta dsi arrangiarsi

M(i) par' a fabbr( i )ca d( i ) San Pietro

Si dice di una costruzione che non si porta mai a termine

Natal' cu sol' e Pasqua cu t( i )zzon'

Si dice quando c'è stato il sole a Natale ed il freddo a Pasqua

Ogni capa è nu tribbunal'

Ognuno giudica secondo il suo modo di vedere

Prima li cunfiètt' e po' li d( i ) fiett'

Dopo il matrimonio si rivelano i difetti reciproci

Quann' u diavol' t' accarezza vòl' l' anima

Quando una persona ti corteggia troppo vuole qualcosa

Rèsta cu nu puarm' d( i ) naso

Resta deluso

Sap' truà i pèzz' a culor'

Sa trovare le scuse

T'aggia dà nu buèll' 'u zèmm(a)r'

Non ti dò un bel niente

U cuarr' s' acconza pa via

Le cose si aggiustano strada facendo

Vai truènn' uai pa lentèrna

Si dica di chi va in cerca di guai

Vedè e nun tuccuà so còs ' da crepà

Non poter toccare le cose che piacciono è un grosso sacrificio

Zango d( i ) Maggio, gran' d' Aust'

Se a Maggio il terreno è umido ci sarà abbondanza di grano